Con un po’(p) di colore

Ultimamente sono in fissa con alcuni prodotti L’Oreal che permettono di creare un trucco occhi che richiede poco sforzo, ma garantiscono dei gran bei risultati (soprattutto se avete una mano più ferma della mia… e non è difficile! XD)
LOreal

Per prima cosa serve un ombretto chiaro per uniformare la palpebra e uno (o due, o più se siete particolarmente brave) per la piega, per rendere più intenso e definito lo sguardo. La Palette Nude Beige ha colori che vanno dal panna al nero e le tonalità intermedie sono perfette per questo scopo! Una volta creata la tavola mi munisco di eyeliner colorato (tipo il Super Liner Perfect Slim 02 Blue) e traccio una linea quanto più possibile dritta e attaccata alle ciglia. Sotto, non potendo passare l’eyeliner, passo una matita di un colore simile (tipo la Color Riche Le Smoky 207 Stormy Sea), mentre nella waterline passo una matita nera (Super Liner Silkissime Seductive Black è un’opzione).
Le sopracciglia sono una parte fondamentale in un trucco così poco colorato per cui le pettino e riempo con una matita (la Matita per sopracciglia Color Riche) e poi passo una dose abbondante di mascara.
Con L’Oreal c’è l’imbarazzo della scelta, ce ne sono una dozzina! Io vorrei provare il Miss Manga Punky, promette un volume straordinario e se è nero come il suo nome fa supporre sento che ci sarà una bella storia ♥ .

Qual è il vostro trucco occhi preferito?


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Alkemilla ~ Ombretto Lapislazzuli

Alkemilla_Lapis1

Alkemilla ~ Ombretto Lapislazzuli

Prodotto: Ombretto
Produttore: Alkemilla
Packaging: cialda singola contenuta in una scatolina in porta cialde resistente agli urti e inserita in una scatolina di cartone.
Reperibilità: nelle bioprofumerie, sia online che fisiche.
Prezzo: 5,90€
Colore testato: Lapislazzuli
Gossip: Alkemilla, oltre ai prodotti di skincare, propone anche correttori e rossetti
+ pigmentazione
+ sfumabilità
+ formato
+ prezzo
(S)Consigliato? Consigliato!

Ho trovato il blu definitivo.
No, aspettate, così non basta.
Ho trovato il blu definitivo.
Meglio u_ù.
L’ho trovato per caso al Thymiama di Perugia, mentre ero impegnata a ignorare la collezione Artika di Nabla, troppo sdegnata dall’assenza di colori a me congeniali (Baltic a dir la verità mi piaceva molto, ma una volta swatchato è stato un meeeeh enorme T_T).
Lapislazzuli è un blu oltremare imprezziosito da un finish leggermente shimmer che gli garantisce una tridimensionalità che ombretti dello stesso colore non hanno.

Oltre al colore ho apprezzato da subito la pigmentazione, basta sfiorare la cilada col dito perché venga prelevata una quantità di colore che basta per truccare entrambi gli occhi. La sfumabilità è buona, ma migliorabile.
È leggermente farinoso per cui succede che qualche granello cada sullo zigomo, motivo per cui di solito spolvero due dita di cipria sotto l’occhio prima di truccarmi e poi spolvero via tutto con un pennello pulito (l’altra opzione sarebbe fare la base dopo gli occhi, ma non mi trovo molto bene ._.).

Considerando che sono 4 grammi (in una cialda da 36mm, come quelle di Kiko), che l’INCI è molto buono e costa solo 5,90€ io mi sento di consigliarvelo dal profondo del mio cuoricino amante del blu ♥ .

Avete provato gli ombretti Alkemilla?
Feedback a riguardo? :D

Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Wow effect ~ Maschera antirughe

Wow effect ~ maschera antirughe

Wow effect ~ maschera antirughe

Prodotto: Maschera viso antirughe
Produttore: Aqma.it, linea WOW effect
Packaging: bottiglietta nera con scritte a contrasto contenete 10ml di prodotto. Arriva in una scatolina di cartone.
Reperibilità: i rivenditori sono parecchi, li trovate indicati qui
Prezzo: 54€ – questo prodotto mi è stato omaggiato dall’azienda.
Gossip: i prodotti della linea Wow effect sono formulati senza profumo, parabeni, petrolati, oli minerali, lanolina.
+ efficace!
– prezzo
– formato
– odore
(S)Consigliata? Consigliata con riserva

Amici miei questa review mi sta togliendo il sonno (vorrei poter dire che le mie occhiaie dipendono da questo maaaa…no).
Andava tutto bene, io e questa maschera ci amavamo teneramente (anche se …”10ml? Manca uno zero?”), poi ho saputo quanto costa e la mascella è caduta per terra, ha fatto un buco ed è riscappata in Cina.
Cinquantaquatto euro per 10ml (che su di me sono bastate per 5/6 applicazioni) per me sono tantissimi e so già che non potrò ricomprarla. Questo mi dispiace perché funziona, fa una cosa ma la fa bene >_<.

Così come dice il sito, una volta risciacquato il viso la pelle appare più distesa e luminosa la sensazione permane abbastanza a lungo (diciamo il tempo di rimirarsi allo specchio mentre si esclamano una serie di WOW imbarazzante – da qui il nome del prodotto? – + un paio d’ore). Non ho notato altri cambiamenti, i pori son sempre lì, i brufoli pure e l’ovale è sempre compatto come prima.
Lo so che sembra poco, ma coincide con quello che è lo scopo di questa maschera, che non si professa astringente, purificante, ammaliante o quant’altro, semplicemente “antiage“. Qualunque cosa “in più” avesse fatto sarebbe stata cosa gradita, ma da considerare semplicemente come un extra.
La cosa migliore, dopo l’efficacia, è che non è fastidiosa da tenere su, nonostante il tempo di posa sia di 20 minuti. È una specie di gel lattiginoso (ho appena inventato una nuova texture per caso?XD) che una volta steso sul viso non cola e non blocca la faccia rendendo difficile anche la salivazione. Certo, lucida a specchio, ma basta nascondersi dietro ad un unicorno e il gioco è fatto :3

Purtroppo la sua efficacia, ora che ho letteralmente raschiato il fondo del flacone, passa in secondo piano rispetto al prezzo.
Per quanto buono sia questo prodotto e per quanto la formulazione sia di tutto rispetto (anche se io una profumatina gliela darei, mi dispiace per chi ha problemi di allergie ma così com’è, senza profumo aggiunto, ha un odore veramente sgradevole, tipo di vecchio armadio chiuso da anni °_°), non posso permettermi di spendere 50€ su una maschera che dura circa 2 mesi. Già facevo fatica con le maschere Lush che costano 1/5 di questa :( .

Avete mai provato i prodotti della Wow effect?
Ho letto che fanno anche prodotti per il corpo, ma non li ho provati per cui se sapete…parlate!**

Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Kiko ~ Wanderlust swatches

Kiko ~ Wanderlust swatches

Kiko ~ Wanderlust swatches

Ciao polpettine!**
Torno con questo brevissimo post per farvi vedere bene (beh, quasi ^^’) alcuni swatches fatti al volo della nuova collezione Wanderlust di Kiko ^_^.  Come sempre, gli swatches sono fatti con i tester trovati in negozio (erano in ottime condizioni, probabilmente ho beccato il giorno in cui l’hanno esposta) e con luce naturale, che non era proprio la più brillante.
Di questa limited edition ho anche parlato in un video che trovate qui oltre che più sotto, in questo post ^_^.
Spero che queste foto e le mie prime impressioni vi siano utili per i vostri acquisti online ^_^.
Un bacio,
a presto! ;)

Kiko_Wanderlust1SMALL

Kiko_Wanderlust2SMALL


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

P2 ~ Sand Style Polish

Review Sand Style Polish

Review P2 Sand Style Polish

Prodotto: Sand Style polish, smalto effetto sabbia
Produttore: P2
Packaging: il cubotto che vedete qui sopra
Reperibilità: in alcune OVS e Upim (una lista la trovate qui)
Prezzo: 1,95€ – io l’ho ricevuto in omaggio dal distributore italiano
Colore testato: 070 pretty
Gossip: da marzo è disponibile anche il makeup P2!*_*
+/ effetto
incline allo sbeccamento
durata
(S)Consigliato? Consigliato con riserva

È con vero dolore nel cuor che metto la riserva su questo prodotto perché a me, in realtà, diverte un sacco indossarlo. Probabilmente non lo comprerei in altre colorazioni, però visto che ce l’ho in casa mi piace metterlo e fermarmi di tanto in tanto a guardare ‘ste unghiette tutta felice come una bambina di due anni coi codini.

L’applicazione non è particolarmente difficoltosa, nonostante il pennello sia più stretto rispetto al Volume gloss della stessa marca, e, da studi serissimi da me condotti, sono arrivata alla conclusione che è la sua texture a facilitare le cose. In sostanza si tratta di un colore cremoso (come il già citato Volume Gloss, ma anche i matte di Orly -tipo Lucky duck- e quelli di Pupa – di cui non ho mai fatto la review, ewwiwa), a cui sono stati incorporati dei granelli glitterati. Non dei semplici glitter, ma veri e propri granelli, che donano l’effetto sabbioso e 3D allo smalto.
Quando l’ho visto la prima volta ero terrorizzata. Cosa rosina + cosi glitterati = perché proprio a me? ç_ç
Visto che ormai era tra i miei zampotti – e non recensirlo non rientra tra le opzioni, perché checché ne dicano cert* la roba che ci inviano le aziende non sono “regali” ma “lavoro” (inteso come “review”) – l’ho messo sui piedi, un po’titubante.
L’effetto era carino, ma bah, i piedi del genere umano non mi piacciono per cui dopo averlo tenuto su diverse settimane (sono di quelle a cui lo smalto sulle fettine non si scheggia praticamente mai), ho fatto il grande passo: vigorosa passata di acetone (si rimuove bene, meglio dei classici glitterati, anche se qualche glitterino rimane in giro) e successiva stesura sulle mani.

E qui mi è piaciuto parecchio O_O.
Sgraniamo gli occhi tutti insieme 8-O 8-O 8-O
Forse dipende dalla sua composizione; nonostante la base sia rosina, un colore che non si distacca troppo dal colore naturale delle mie unghie, la sabbia glitterata lo rende più vivace, meno noioso.
Non lo definirei un colore che passa inosservato; magari in interni, dove sembra glitterato sì, ma (quasi) discretamente, al sole si vede decisamente bene, è luminoso e brillante. Copre già con una passata, ma si intravede leggermente l’unghia per cui in genere ne faccio due, cosa che accentua anche l’aspetto sandy.
L’effetto sabbioso secondo me si riconosce già da lontano perché non ho mai avuto smalti glitterati con un effetto così pieno e anche pensando a blog che trattano di unghie (sì seguo pure quelli XD) e smalti che ho visto dall’estetista non ho trovato nulla che potesse essere paragonato, quanto a pienezza di glitter, a questo. Pretty è brillante su tutta la superficie dell’unghia, non ha zone di vuoto e per questo l’effetto è più “vistoso” rispetto ad uno smalto glitterato tradizionale. Al tatto la sensazione è strana, si sente che la superficie non è livellata ma i granelli non sono nemmeno così in rilievo da risultare fastidiosi nemmeno in momenti di crisi come l’infilare le collant da 20 denari senza sminchiarle (inserire pioggia di YEAH qui, grazie).
È un effetto che deve piacere perché non c’è modo di mitigare la sua esuberanza (ma neanche di aumentarla, ho provato mettendo un top coat e zero risultati, non ha aumentato la brillantezza nemmeno a pagarlo), per cui ponderate bene l’acquisto.

La durata è una nota dolente perché come appena messo (due passate, senza top coat avrete capito che è inutile) dura due giorni al massimo. Le scheggiature non si notano molto perché tra colore di base e colore naturale dell’unghia non c’è grande differenza, però guardandole da vicino qualche scheggiatura su almeno un’unghia la noto. A me la cosa non crea grande disturbo, in realtà, un po’ perché è una roba glitteratissima che mi fa scapocciare e un po’perché, se mi va di tenerlo ancora un po’ su, appena vedo un buchetto vuoto ci passo un po’di smalto e via, si continua così per un altro giorno almeno.
Lo so che è una cosa orribile da fare e ora tutte le onicotecniche (a partire dalla mia amica del cuore ♥) verranno al mio uscio armate di forconi, ma giuro che non si vede niente! Ho tirato avanti otto giorni con questo metodo ninja, poi mi sono annoiata e ho tolto tutto (anche sulle mani la rimozione è semplice, più semplice che con gli smalti glitterati classici, anche se qualche glitter tende a rimanere attaccato all’unghia). Ora credo che le onicotecniche abbiano acceso una pira davanti al mio uscio, forse è meglio se la smetto di dare consigli poratchissimi.

In definitiva: a me questo smalto piace, però mi rendo conto che a livello di durata le prestazioni sono scarse, motivo per cui non ve ne consiglio l’acquisto. Se però siete arrivate a leggere fino in fondo e la mia idea (un misto di pigrizia e poratcheria) vi è piaciuta, potreste sempre farci un pensierino.

Se ne prendete uno poi fatemi sapere che ve ne pare, se a voi dura di più o dovete ricorrere a fini stratagemmi :3
Baci **
Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Mulac ~ Tastlylip in Cheri

Mulac ~ Wacky Lipstick Flamingo

Mulac ~ Tastylip Cheri

Prodotto: Tastylip lipstick, rossetto
Produttore: Mulac
Packaging: confezione effetto damascato, contenuta in una scatolina nera in cartone con il logo dell’azienda.
Reperibilità: dal sito ufficiale
Prezzo: 11,90€
Colore testato: Cheri
+ pigmentatissimo
+ resistente
odore @@’
( sito web ç_ç)
(S)Consigliato? Consigliato!

Ho riflettuto molto prima di prendere questo rossetto perché Mulac, per dirvela proprio come la penso, non mi fa impazzire quanto a customer care. Di solito prima di fare un acquisto online leggo le recensioni del prodotto e se devo fare acquisti da un sito che non conosco leggo anche i feedback sull’e-commerce. Purtroppo cercando informazioni su Mulac mi è capitato spesso di leggere di lungaggini, errori o altri malfunzionamenti del sito di questa giovane azienda.
Alla fine, approfittando di un regalo che io e altre amiche volevamo fare alla sempre più famosa Penny, ho deciso di avventurarmi e tutto è andato per il meglio per cui, basandomi solo sulla mia esperienza, non posso che consigliarvelo.
Devo però farvi notare come purtroppo la fama del sito negli ultimi mesi non sia migliorata (basta guardare i “post dei visitatori” sulla loro pagina facebook), per cui la decisione se acquistare i loro prodotti o meno è veramente un testa o croce.
A questo commento sul customer care devo aggiungere una critica ai contenuti del sito: pochi e francamente inutili se non forvianti. Prendete la descrizione di questo rossetto: “I nuovi TASTYLIP di Mulac Cosmetics nascono dall’idea di realizzare 12 nuove colorazioni uniche e adattabili, grazie al loro sottotono caldo, alle diverse carnagioni”. COSA?! Nessun accenno a questa particolare tonalità (che non è calda nemmeno se la scaldate con l’accendino, spoilerone!), nessun accenno alla formula…solo una riga e mezzo che dice meno di una frase motivazionale di tumblr!
In realtà dovrei ringraziare La Cindina e tutto il suo e-team perché mi permettono di scrivere questo post scevra da ogni conoscenza del prodotto (e con un po’di fortuna faranno finire qui un sacco di persone in cerca di informazioni ♥ ), ma da consumatrice…no, questa cosa decisamente non mi piace. Voglio sapere a cosa vado incontro, voglio una descrizione per ogni colore oppure una sola pagina con tutte le colorazioni disponibili (modello Sephora, chiamiamolo così :D).

Ma veniamo a Cheri (che io ho sempre chiamato Chéri, a la française), che è il vero protagonista di questo post, dopo il mio ego XD.
Faccio veramente una gran fatica a descrivere il colore, a volte sembra un fucsia saturo, a volte un rosso intenso… posso cavarmela dicendo che è un colore bold, di quelli che si vedono a chilometri di distanza e che si fa notare tantissimo? Aggiungo a questa eccezionale offerta il fatto che è solid ossia privo di riflessi, glitter, brillantini e scintillii vari & che è opaco. Ah, non è caldo, ma questo già lo sapevate u_ù.
La sua natura matte lo rende estremamente durevole (zero problemi con chiacchiere ed aperitivi, ad un piatto di pasta resiste benaccio, ma va ritoccato. Ho visto cose ben peggiori, AHEM, per cui gli e lo concedo u_ù), ma purtroppo non confortevole. Nonostante labbra ben esfoliate e idratate, più di due giorni con questo rossetto non riesco a farli perché mi riempio di pellicine e per non danneggiare la vista degli astanti devo passare a qualcosa di più emolliente.
Una cosa su cui mi interrogo dal secondo giorno e che continua a sfuggirmi è come sia possibile che Cheri, nonostante rimanga per ore sulle labbra, non sia comunque un rossetto a prova di ‘passeggiata’. Mi è capitato di notare, infatti, tracce color Cheri sui fazzolettini, ma controllando le labbra non ho visto nè una sbavatura nè un’alterazione nell’uniformità del colore. È come se, al contatto con una qualche superficie (possibilmente camicie o maglioncini usciti da poco dalla lavatrice) lo strato più superficiale del rossetto vi si stampigliasse sopra, lasciando la parte più ‘resistente’ attaccata alle labbra e ben intenzionata a non smuoversi di lì se non con una dose extra di struccante.

Personalmente, e tappandomi il naso per via dell’odore plasticoso che emana, credo che darò un’altra chance ai rossetti Mulac e al marchio in genere, sperando che da qui a quando farò un altro ordine il loro customer care sia un po’migliorato.
Voi avete mai provato niente?
Consigli da spacciare ne avete? **
Fatevi sentire! Y(*_*)Y

Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Real Techniques ~ Miracle complexion sponge

RT_spugna1

Real Techniques ~ Miracle complexion sponge

Prodotto: Miracle complexion sponge
Produttore: Real techniques
Packaging: è una spugnetta arancione inserita nella scatolina di plastica che vedete qui sopra. È disponibile anche nella confezione doppia.
Reperibilità: qui
Prezzo: circa 9€ per la versione singola, 14.90€ circa per la versione contente 2 spugne.
Gossip: come avete letto qui sopra è disponibile nel formato singolo (che vedete in foto) e nella versione doppia.
+ utilizzo wet/dry
+ stende bene il fondotinta
+ resistente
(S)Consigliata? Consigliata!

La mia prima Miracle Complexion Sponge mi è stata regalata due compleanni fa dalle mie amiche e fu uno dei regali più graditi EVER, perché non avevo niente da usare per applicare in modo un po’più leggero il mio fondotinta abituale (waaaa, è l’ultima confezione che ho! ç_ç). Stavo accarezzando l’idea di ricomprare la Beauty Blender (a quel tempo reperibile solo online da siti stranieri) quando ecco che loro ZAC! sono arrivate a salvare capra e cavolo ♥ .
Quella prima spugnetta mi piacque al punto tale che quando si rovinò irrimediabilmente dopo un anno abbondante di onorato servizio decisi di comprarmene un’altra che ha compiuto dodici mesi diverse lune fa. Ora sto pensando di regalarmi la terza (e magari la quarta, qui in Inghilterra si trovano facilmente anche le versioni “doppie”).

La prima cosa che colpisce di questa spugna, a parte il colore oscenamente brioso, è la forma: ricorda un po’un uovo, è vero, ma la parte più larga è tagliata di piatto per contornare l’area intorno a naso e occhi. Io non sono una grande fan di questo taglio, trovo che sarebbe stato più utile dal verso opposto, ma ci si abitua.
Anche la compattezza è una cosa che colpisce molto, se non l’avessi saputo forse non avrei mai provato a bagnarla, convinta che fosse utilizzabile solo da asciutta. Non che sia un mattone, ma rispetto a quell’ariosità che ha la Beauty Blender lei è più “piena”.
Da asciutta è piccolina, più o meno quanto un uovo di gallina, una volta bagnata il suo volume quasi raddoppia. La differenza, oltre che fisica, è anche in termini di utilizzo: da asciutta è coprente ma mi pare che molto fondotinta rimanga ‘intrappolato’, al contrario da bagnata dona un effetto più leggero e anche di fondotinta mi pare se ne sprechi di meno.
Parliamo ora dell’utilizzo con correttori e blush in crema. Utilizzata con un correttore dalla texture particolarmente ricca (qualche nome? High coverage concealer di Glossip, Correttore antiocchiaie di Colour Caramel o il sempre amato Stick correttore Dermablend di Vichy) non è male, l’effetto è sfumato già da subito (a differenza di quanto accade con i pennelli, fosse anche il Deluxe crease brush di Real Techniques) ed è molto naturale. Al contrario, con i correttori liquidi tipo il Prolongwear di MAC non mi piace quasi per niente perché pare trascinare il prodotto da un angolo all’altro del viso.
Stessa amara sorte tocca ai blush in crema, non riesco proprio ad applicarli con questa spugna perché …è enorme! ç_ç. Oltretutto da asciutta preleva un sacco di colore (che poi chiaramente si stampa tutto insieme sulla guancia), da bagnata non preleva quasi per niente ._. .

Se le spugnette ed i fondotinta liquidi sono la vostra passione io vi consiglio di provarla, è un prodotto molto valido con un prezzo decoroso e una bella durata nonostante sia a contatto con l’acqua e il sapone praticamente ogni giorno ^_^.

Voi avete una spugnetta del cuore che vorreste consigliarmi?
Io sto provando proprio ora la spugnetta di Makeup Revolution, non pare male ma non vorrei portarmi sfiga per cui sospendo il giudizio XD


Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Idrolato Chronicles ~ Capitolo tre

idrolato3

Idrolato chronicles: shampoo erba cappuccina + idrolato rosmarino

Dopo il grande successo del primo mix ero così esaltata che ho subito provato qualcosa di nuovo con quello che al momento è il mio shampoo preferito (e ancora non recensito, chiedo venia), all’erba cappuccina de I Provenzali.
Ricordate poi la nota post-it per la futura me? Diciamo che me ne sono un po’scordata, ecco ._..
Non ho shakerato, ma per il resto…ahem.
Diciamo pure che la formula è la stessa della volta precedente, solo con più acqua ‘O’.

Chronicles3
30ml di shampoo all’erba cappuccina + 5ml di idrolato di salvia + 20ml di acqua pura di rubinetto.
Il mio piano furbissimo, invero, prevedeva soli 10 ml d’acqua, ma non aveva tenuto conto del fatto che per come è fatto il mio rubinetto è impossibile quantificare per cui quando ho tolto la bottiglia la dose era raddoppiata ._.’ .

Con sprezzo della sfiga ho provato questo mix e… wow.

In the shower ~ schiuuuuma, schiuma tantissimo!*___* in questo modo anche distribuire il prodotto è più facile, l’ho messo in due punti e poi via, un bel massaggio allo scalpo e lo shampoo è arrivato ovunque (pure negli occhi, d’oh!). La quantità che avevo (inavvertitamente) prodotto è bastata per due passate e un goccino ne è rimasto, lo userò nella prossima doccia :3

Off the shower ~ ma da dove viene tutto questo volume? O_O sarà l’idrolato?
Ode alla districazione, di solito con la tangle teezer faccio un po’di fatica, questa volta invece la spazzola scorre senza problemi, è un piacere che può essere superato solo da una fetta di anguria fresca *_*.

Post-it per la me del futuro ~ no, davvero, basta con tutta ‘st’acqua, stiamo diventando ridicole u__ù.

Per ora credo che sia questo il mio mix preferito, anche se temo che se fatto troppo spesso potrebbe essere aggressivo, considerato come si comporta solitamente lo shampoo-base.

Al prossimo mix!*_*


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Labcare ~ Crema riparatrice totale All-repair

Labcare_Crema1

Labcare Crema riparatrice totale all repair

Prodotto: All-repair crema riparatrice totale viso, mani, corpo
Produttore: Labcare Cosmetics
Packaging: tubo da 150ml
Reperibilità: in questi punti vendita e dall’e-shop ufficiale (quì).
Prezzo: 12€ – io l’ho ricevuto gratuitamente dall’azienda
+ protettiva
+ rapido assorbimento
+ adatta alle diverse zone del corpo
+ buona base trucco
+/ idratante
(S)Consigliata? Consigliata!

Quando ho accettato questa collaborazione avevo preso accordi con l’Azienda sul fatto che non avrei provato questa crema sul viso perché devo cercare di rimanere quanto più fedele possibile alle creme che mi affibbia la mia dermatologa. Poi sono tornata a casa per Natale e nell’euforia-da-valigia (chiuditi maledetta chiuditiiiihhh!1!!11!) ho dimenticato la famosa crema antirossori di Avène qui a Londra.
Per i primi 7-8 giorni non ho avuto problemi, la mia pelle grassoccia non soffre troppo se per un po’non uso creme, ma dopo la prima settimana ho cominciato a sentire tirare la pelle e a vederla più arrossata del solito per cui ho deciso di provare questo prodotto (che sul corpo avevo già iniziato a provare senza notare nulla di insolito).
L’esperimento mi è piaciuto talmente tanto che ho deciso (ignorando le prescrizioni del mio medico*) di continuare ad usarla anche quando sono tornata nella Brit-patria, in particolare quando voglio che il trucco non regga per due sole ore. Uno degli aspetti che più apprezzo di questa crema è infatti l’essere perfetta come base per il trucco, aiuta la stesura del fondotinta (sto parlando soprattutto con/di te Double Wear di Estée Lauder!) e non lo fa scomparire dopo una manciata di ore come succede con la citata crema antirossori. Certo, a sera il fondotinta non arriva nè intatto nè uniformemente dissolto, ma una bella differenza a seconda della crema che ci metto sotto la noto.
Se sul viso mi sta piacendo, è sul corpo che dà il meglio di sè. Non la trovo particolarmente idratante (nonostante l’olio di mandorle dolci come terzo ingrediente), ma per me che ho solo saltuariamente le gambe secche va benissimo perché così posso usarla dopo ogni doccia anziché una ogni due (e anche sul viso, fosse più pesante sarei un unico brufolo su gambe, invece così, come vi dicevo poco fa, posso usarla anche sul mio tenero musetto).
L’azienda ha deciso di segnalare l’uso sulle mani come ‘a parte’ rispetto al corpo, scelta che io – da consumatrice – non sono sicura di capire, perché si comporta bene sulle braccia (ma lo stesso vale per il torace e le gambe ed i piedi) tanto quanto sulle mani. Protegge, restituisce l’elasticità che perdono quando furbamente non uso i guanti per pulire (ahem…) e si assorbe in poco tempo.
Da un punto di vista più commerciale (del tipo “posso metterla nello scaffale delle creme mani?”) capisco che la differenziazione possa avere un senso.

Considerando che in due mesi e mezzo di uso urbi et orbi sono riuscita ad usarne meno di metà, per altro senza che il suo odore dolcioso e persistente mi facesse venir voglia di lanciarlo nella stratosfera, secondo me è un ottimo prodotto che vi consiglio senza riserve (a differenza – e qui spoilero alla grande ♥ – dell’Olio).

Per questa review è tutto, voi avete mai provato niente della linea All-repair di Labcare? **
Io, mentre cercavo il prezzo di questa crema, son capitata nella pagina del siero. Perché, perché clicco dove non devo? °_°
Ora lo voglio T_T.

* è un momento di scoramento dermatologico, capita quando fai di tutto per migliorare e non ottieni risultati più duraturi di qualche settimana, nonostante i trent’anni ;__;
Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

Nabla ~ Liquid tech lip color

Nabla Liquid lip color hey boss!

Nabla liquid tech lip color hey boss!

Prodotto: Liquid tech lip color
Produttore: Nabla
Packaging: penna da 2ml, contenuta in una scatola di cartone nera.
Reperibilità: dal sito web ufficiale, da altri siti web e dagli store fisici che tengono il marchio
Prezzo: 11,50€
Colore testato: Hey boss!
Gossip: è un prodotto adatto a vegetariani e vegani
+ colore
+ coprenza
+/ durata
colaaaa >_<
(S)Consgliato? Consigliato con riserva.

Vorreste provare i liquid tech lip color di Nabla da quando sono usciti ma rimandate l’acquisto per i più svariati motivi? Forse questo è il momento giusto per acquistarli, visto che secondo voci di corridoio verranno tolti dal mercato entro quest’anno.
Personalmente non sarò troppo dispiaciuta, Hey Boss! mi piace molto, lo uso con una frequenza piuttosto sostenuta (soprattutto se teniamo conto del numero imbarazzante di rossetti che ho) e momenti veramente difficili con lui ne ho avuti pochi, ma è anche vero che non sono un’amante, in generale, dei rossetti liquidi.
Nonostante la mia poca affinità per questa tipologia di prodotti, mi sono detta “proviamolo!” colpita dal suo colore. È un rosso tendente al prugna dalla coprenza modulabile e dal finish lucido. Nonostate fossi a conoscenza di alcuni suoi difetti (che ho poi riscontrato anch’io), dopo qualche giorno di riflessione, l’ho acquistato e non ne sono rimasta delusa. Ma ripeto: sapevo a cosa andavo incontro, è quello secondo me che ha fatto tutta la differenza.

Sin dalle prime review avevo capito che il Liquid tech lip color tende a passeggiare per la faccia e purtroppo devo confermare. Applicato in modo parsimonioso, ma non taccagno, tende a spostarsi per la faccia e pure velocemente. Con una matita trasparente sotto (io ho quella di Wjcon) riesco ad arginare la situazione, ma non al punto da sentirmici abbastanza a mio agio da poter andare in giro senza controllarmi ossessivamente in ogni superficie riflettente riesca a trovare. Miglioramenti li noto anche con l’aiuto della matita colorata (+ trasparente sul contorno), ma non avendo un colore simile faccio un po’fatica ad utilizzare questo metodo perché ho sempre l’impressione che il colore di base possa fare capolino rovinando tutto.
Come potete immaginare quando lo applico facendone uno strato discreto la durata non è esattamente un punto di forza, si stampiglia su tutto ciò che tocca e resiste con difficoltà ad una bottiglia d’acqua, figurarsi ad un pasto.
Per migliorare la situazione generale ho fatto una prova, che si è poi rivelata la mia modalità di applicazione preferita (anche perché permette di modulare il colore, rendendo anche una tonalità a mio avviso cupa un po’più “brillante”). Utilizzando solo colore che rimane intrappolato tra le setole dopo il precedente uso si perdono sì un po’di intensità e luminosità, ma si evitano anche sbavature e la durata ne guadagna discretamente (aperitivi superati: numerosi, pasti…beh, non tanti. Pochi, pochissimi).

È un prodotto che non rimpiangerò quando finirà, mi mancherà il suo colore e la sua confortevolezza, ma non sicuramente il timore che si stampigli ovunque rendendomi una brutta copia di uno starnuto colorato di Picasso -_-.

Voi l’avete provato o gli avete preferito i ‘classici’ rossetti?
Ora che ci penso dovrei smuovermi a scrivere la review anche di quelli…°_°’
Read More →


FOLLOW ME ON
YOUTUBE | FACEBOOK | TWITTER | INSTAGRAM

Disclaimer

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: